Home Dai Comuni Avellino: fiamme in galleria Magnolia

Avellino: fiamme in galleria Magnolia

Avellino: un  incendio è divampato nella nottata in galleria Magnolia, proprio in centro, la galleria è collegata al centralissimo corso Vittorio Emanuele, una delle zone di maggior interesse della città; ovvero una delle zone più belle e note per il viavai di visitatori e turisti, specialmente nei mesi estivi

Vigili del fuoco all’opera

Sul posto sono arrivate alcune  squadre dei vigili del fuoco di Avellino e anche alcune pattuglie della polizia, le forze dell’ordine hanno subito chiuso la zona, per ora comunque pare non siano stati registrati casi di intossicazione o ferimento. Le fiamme sono state subito domate dai pompieri e tutta l’area messa in sicurezza: l’accaduto potrebbe compromettere per qualche giorno il normale fluire dei turisti nel centro cittadino. La polizia sta indagando sulle cause dell’incendio, per appurare se si tratta di dolo o di una semplice disgrazia non voluta.

Cause sconosciute, fuoco domato

Le cause dell’incendio per adesso rimangono sconosciute; i pompieri si sono prodigati per domare il fuoco velocemente ed evitare cosi danni maggiori e soprattutto per poter mettere in sicurezza l’area; nessun danno rilevato ai negozi e alle abitazioni circostanti e nessuna segnalazione preoccupante è stata ricevuta. Nella galleria sono dislocati vari negozi, tra i quali un centro benessere e vari store di griffe molto famose.

Galleria Magnolia: cuore pulsante della città

La galleria Magnolia è un’isola pedonale frequentatissima, ricca di negozi, bar e ristoranti, il cuore pulsante del centro cittadino frequentato soprattutto dai turisti; la zona circostante la galleria, che è una delle tante che si intersecano con l’elegante corso Vittorio Emanuele, è una delle più animate sia di giorno che di sera;l’area è soggetta a controlli di frequente per via del degrado che minaccia la città, come accade in molte città italiane oggi; la galleria a volte è frequentata da tossicodipendenti e vagabondi; l’incendio potrebbe essere l’infausto epilogo di qualche sosta di individui senza dimora.