Home Dai Comuni Frasso Telesino, l’opposizione consiliare chiede chiarezza su raccolta rifiuti

Frasso Telesino, l’opposizione consiliare chiede chiarezza su raccolta rifiuti

”La raccolta dei rifiuti urbani a Frasso Telesino è stata caratterizzata in questi ultimi anni, dall’ affidamento diretto del servizio, da parte dell’Amministrazione Di Cerbo in proroga, nonostante come opposizione avessimo ricordato che l’ANAC di Cantone ha più volte ribadito l’obbligo del bando pubblico. Solo nel 2017 è stato finalmente affidato dopo selezione pubblica.(che a tutt’oggi non parte!!!!!!!)”

Si apre così la nota stampa dei consiglieri comunali di opposizione di Frasso Telesino, Pasquale Viscusi, Vincenzo Ciervo e Roberto Iannotti.

”Sempre in questi anni abbiamo assistito al paradosso di vedere diminuire la popolazione del nostro paese, ed aumentare la produzione di rifiuti urbani, superando anche comuni con popolazione superiore alla nostra, in qualche caso quasi doppia. E’ un fenomeno che fatichiamo a comprendere: Frasso è un paese in declino economico e demografico, aumentano solo i rifiuti e la produzione pro capite degli stessi. Alta è di conseguenza anche la tassa sui rifiuti (TARI) ulteriormente aumentata negli ultimi anni .

Ci auguriamo che con la nuova gestione si attui finalmente il controllo “a monte” con la pesa degli automezzi prima della partenza verso i siti di conferimento e che i ritorni economici per i rifiuti riciclabili siano utilizzati magari per la riduzione della TARI.

Interventi di razionalizzazione riteniamo debbano essere fatti su diverse voci di costo del piano economico (e se ne avremo l’opportunità, lo faremo di certo), come i costi amministrativi fissi e sullo spazzamento delle strade. Nel vecchio contratto era previsto che la ditta affidataria, se ne facesse carico, ma spesso è stato effettuato, dal Comune oltre che da proprio personale anche mediante personale interinale, con sicuro aggravio di costi a spese dei cittadini. Su questo punto, chiederemo verifiche e l’eventuale recupero delle spese sostenute.”