Home Politica Ceta, si allarga il fronte del No. Anche Dugenta ha deliberato contro

Ceta, si allarga il fronte del No. Anche Dugenta ha deliberato contro

Sembra allargarsi sempre di più il fronte dei sindaci sanniti che sono contro il Ceta. Accolto quindi l’appello della Coldiretti Campania, che aveva provveduto ad inviare invito a tutte le 550 amministrazioni comunali della Regione Campania, affinché quest’ultime deliberassero con il Ceta. Dopo la deliberazione da parte del sindaco di Benevento, Clemente Mastella, è quella avvenuta ieri da parte del coordinatore provinciale di Forza Italia, nonché sindaco di San Nicola Manfredi, Fernando Errico, anche il sindaco di Dugenta, Clemente Di Cerbo, ha adottato nel corso dell’ultima seduta della propria Giunta, ed ha inteso approvare un ordine del giorno che conferma la piena e convinta adesione alla battaglia di Coldiretti contro “gli effetti nefasti del ‘C.E.T.A.’, che difende gli interessi delle lobby e della propaganda, snaturando e mortificando la nostra filiera nazionale”.

In mattinata era arrivato il monito da parte del coordinatore provinciale vicario di Forza Italia Giovani, Gabriele Di Marzo, che aveva lanciato un appello ai sindaci sanniti affinché deliberassero in tal senso. Proprio nei prossimi giorni dovrebbero essere diversi i sindaci che delibereranno in tal senso.

“Vogliamo confermare la nostra linea di difesa e salvaguardia della qualità agricola italiana, così come ribadito in varie occasioni negli ultimi anni”, ha commentato Clemente Di Cerbo, sindaco di Dugenta. Parole che certificano in maniera puntuale una presa di posizione netta che fa onore all’Amministrazione Comunale e ribadisce una scelta di campo a favore della filiera nazionale.

“Abbiamo voluto aderire alla iniziativa di Coldiretti – ha aggiunto – condividendone in toto lo spirito e facendo sentire la voce del nostro territorio, che da sempre intende puntare sulla tutela e valorizzazione delle eccellenze agricole ed enogastronomiche del nostro territorio e per il futuro della nostra produzione agricola, difendendo le produzioni Dop e Igp locali, salvaguardando gli interessi dei cittadini e delle aziende agricole del nostro Comune”.