Home Dai Comuni Allarme della Protezione Civile della Regione Campania: temperature elevate e rischio incendi

Allarme della Protezione Civile della Regione Campania: temperature elevate e rischio incendi

Il caldo soffocante si sta verificando in tutto il Paese, ma vi sono alcune Regioni più a rischio per un’ondata di caldo torrido in arrivo in questi giorni; temperature cosi elevate da mettere in forte preoccupazione la Protezione Civile.

Allarme per la Campania

Nella giornata di ieri la Protezione Civile della Regione Campania ha diramato un avviso per possibili eventi critici causati da ondate di calore che si verificheranno da oggi, sull’intero  territorio regionale. Gli osservatori della Protezione Civile hanno previsto un aumento delle temperature massime che potrebbero registrare fino a 4-5°C in più dei valori medi stagionali; ad aggravare la cappa di calore sarà  il forte tasso di umidità che, soprattutto nelle ore notturne, supererà anche il 70-80% dei valori standard; inoltre è previsto una totale caduta dei venti.

Valutazione delle temperature

Il comunicato della Protezione civile ha reso noto l’allerta specificando nel dettaglio lo stato critico delle prossime ore; nel comunicato si legge: “In considerazione delle previsioni dei valori di umidità e temperatura che interesseranno la Campania, delle analisi di trend orario effettuate sui valori osservati in tempo reale dalla rete termoigrometrica del Centro Funzionale; nonché dei valori degli indici climatici utilizzati al fine della valutazione delle condizioni di disagio per la salute umana si raccomandano le precauzioni del caso.”

Pericolo di incendi

L’allerta è stato ampliato anche per la questione degli incendi boschivi e per le zone rurali della Regione, che potrebbero verificarsi a causa di ondate di calore previste dalle dieci del mattino fino alla stessa ora di giovedì. Il caldo è senza dubbio un grosso problema per gli anziani, gli ammalati e i bimbi piccoli: nelle ore più afose è consigliato restare in casa, creare ombra e frescura avvicinando le persiane e tenendo i tendaggi chiusi, oltre che ventilare i locali dove soggiornano le categorie più a rischio di malori.