Home Attualità Un video per la promozione dell’acquedotto Carolino: la presentazione a Sant’Agata de’Goti...

Un video per la promozione dell’acquedotto Carolino: la presentazione a Sant’Agata de’Goti – FOTO

Si è tenuta stamane presso l’Istituto “Alfonso Marie De Liguori” di Sant’Agata dei Goti una conferenza stampa nell’ambito della quale è stato presentato in un video che ha visto la collaborazione anche del locale docente Carmine Viscusi, lo spot di promozione dell’acquedotto Carolino, frutto di una recente collaborazione tra l’associazione “Cittadinanza Attiva Moiano” e il medesimo istituto. Presenti la delegata FAI della provincia di Benevento Patrizia Bonelli, la rappresentante dell’associazione “Cittadinanza Attiva Moiano” Annamaria Maiello e per le istituzioni i sindaci di Airola Michele Napoletano e di Sant’Agata Carmine Valentino e il consigliere comunale di Moiano Raffaele Viscusi.

Dopo la presentazione iniziale fatta dalla dirigente scolastica Dott.ssa Maria Rosaria Icolaro alla platea di studenti presenti in sala, la parola è passata alla delegata FAI, che ha invitato gli “apprendisti ciceroni” dell’istituto alla massima collaborazione inerente alla consapevolezza di essere rappresentanti e illustratori del territorio, poi la parola è passata a Michele Napoletano che ha illustrato di come le precedenti generazioni abbiano commesso l’errore di deturpare in nome di altri interessi l’ambiente non solo culturale,invitando i giovani a non ripetere gli stessi errori. E’ toccata poi la parola a Carmine Valentino, che ha individuato di quanto la collaborazione delle istituzioni cone le associazioni di territorio, sia importante per la valorizzazione del territorio culturale. Toccante è stato l’intervento di Raffaele Viscusi, che a riguardo dell’inestimabilità del territorio, ha ricordato una frase dei “popoli indigeni” che inerentemente alla richiesta del “popolo bianco” di acquisto del loro territorio in cambio di soldi e amicizia, i primi risposero che i territori da loro acquisiti sono solo un prestito dei loro padri e che hanno il compito di restituirli ai propri figli, magari anche migliorati. Conclude Annamaria Maiello che rivendica l’orgoglio di aver aderito alle giornate di primavera FAI, in quanto individua la manifestazione come frutto di un percorso meritevole che ha coinvolto sia i giovani che le istituzioni, consentendo di togliere dall’oblio monumenti promossi come patrimonio di cultura internazionale, come le sorgenti del fizzo e il ponte Carlo III.

Alla fine della conferenza è stato presentato il video di promozione che ha emozionato non poco i tanti ragazzi presenti, nella speranza che il loro affacciarsi alla vita coincida con la consapevolezza di quanto sia importante rendere omaggio all’impegno e alla dedizione delle loro generazioni precedenti, che ha consentito loro di vivere in un territorio di cui andare orgogliosi.

Servizio e foto di Antonio Barbieri